fbpx

Riconoscere la fine di una storia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Porre la parola fine a una relazione non è mai una cosa facile. Non diventa più semplice con l’età e l’esperienza. Tutt’altro. A volte siamo così abituati a stare in una relazione, a essere parte di una coppia, che rimandiamo in continuazione una decisione inevitabile. 

Se sei alla ricerca di segnali che ti indichino se la relazione è finita, dai uno sguardo a questa lista e sii onesta con te stessa.

Quello che trovi qui:

È finita la fiducia

Una delle basi di ogni relazione è la fiducia. Se questa base viene smantellata è molto difficile ricostruirla, non è impossibile, ma richiede impegno e volontà nel farlo da ambedue le parti.

Pensiamo spesso che perdiamo fiducia in qualcuno a causa del suo comportamento. Questo è vero solo fino ad un certo punto. Se l’atteggiamento dell’altra persona ci spinge a essere diffidenti, indagatori, gelosi, significa che il seme della diffidenza e della gelosia era già presente in noi. Nessuno può innescare una bomba che non esiste. 

Avere fiducia in qualcuno è una questione del tutto individuale e ha molto più a che fare con il nostro mondo interiore, e molto poco con l’atteggiamento dell’altra persona.

 

Se ti ritrovi a mettere in discussione le motivazioni, le capacità e le ragioni dell’altra persona in continuazione, se ti chiedi e gli chiedi sempre cosa ci sia dietro il suo atteggiamento, anche se il suo atteggiamento non ha nulla che non va, significa che il problema è tuo, non suo. Specie se questo tipo di modo di essere si ripete nel tempo e con diverse relazioni creando così un vero e proprio copione. 

Non esiste il caso. Incontriamo sempre le persone giuste che ci rivelano lezioni su noi stessi, se solo siamo pronti a coglierle. 

Se la diffidenza è reciproca, può portare allo sbriciolamento assoluto del rapporto e delle fondamenta su cui è stato costruito, causando gelosia, rabbia, possessività e altri sentimenti negativi a liberarsi e ad avvelenare il rapporto.

Avete valori inconciliabili

Ogni essere umano ha dei valori e necessità importanti. All’inizio della relazione siamo spesso talmente entusiasti di aver incontrato l’altro che non ci rendiamo conto che i nostri piedi puntano in direzioni diametralmente opposte. 

Ogni relazione richiede un minimo di compromesso, di negoziazione e di assimilazione dei valori dell’altro nella nostra vita. Tuttavia questo non significa che possiamo sacrificare i nostri valori chiave, le nostre più profonde necessità, perché in quel caso significherebbe vivere una vita a metà. 

Rimandare la fine di una relazione dove non c’è spazio per i nostri valori e il nostro modo d’intendere la vita potrebbe significare una cosa sola: abbiamo paura di restare da soli e preferiamo sacrificare la nostra esistenza piuttosto che rimanere da soli.

La solitudine è come una lente d’ingrandimento: se sei solo e stai bene stai benissimo, se sei solo e stai male stai malissimo.

Giacomo Leopardi

Lui non conosce i tuoi piani

Se stai facendo dei progetti per il futuro che non prendono minimamente in considerazione il tuo partner, allora non ci sono dubbi sul fatto che la tua relazione sia al capolinea.
Se l’altro non è parte dei progetti che hai per la vita significa che è stato mentalmente ed emotivamente rimosso dal tuo spazio interiore.
Continuare a tenere in piedi una relazione così non avrebbe senso per nessuno dei due. 

Non vi divertite più insieme

Le relazioni dovrebbero essere divertenti, e gioiose, e se avete perso questo dalla relazione, potrebbe essere il momento di porre fine alla relazione se vi trovate nell’impossibilità di recuperare e risvegliare il senso di divertimento che senza dubbio avete condiviso una volta con l’altro. Le giornate sono diventate noiose, ogni tentativo di eccitazione o qualche attività che induce felicità si scontra con il malessere o con un generale disgusto per qualcosa che ti fa uscire dalla tua routine. Niente uccide tanto quanto la routine infinita e lo stesso vale per le relazioni.

Una relazione dovrebbe essere responsabile e cresciuta oltre che divertente, quindi ci dovrebbe essere sempre un equilibrio tra le due parti. Essere responsabili e capaci di lasciarsi andare significa avere il meglio di entrambi i mondi. Se vi siete stancati della relazione, dovete capire che la vita è troppo breve per stare con qualcuno che non apprezza lo stesso tipo di divertimento che avete voi, e se avete avuto questa discussione più che abbastanza volte senza ottenere alcun compromesso o margine di manovra, potrebbe essere giusto porre fine alla relazione.

Fantastichi sulla vita con qualcun altro

Tutti fantasticano – è parte della natura umana, la capacità di sognare e di immaginare creativamente ciò che può essere stato o non essere stato, o tutto ciò che avrebbe potuto essere, in modo positivo o negativo. Tuttavia, inizia a influenzare negativamente il vostro rapporto quando non potete incanalare le vostre energie in una relazione con il vostro attuale partner, scegliendo invece di sognare ad occhi aperti una vita con qualcun altro – o, più onestamente, con chiunque altro.

Il tipo di fantasia di cui stiamo parlando qui è il persistente, mezzo serio sogno ad occhi aperti su qualcuno che ha catturato la tua attenzione e con cui potresti seriamente vedere te stesso condividere la tua vita. Forse è il collega carino che si siede sempre accanto a te e condivide con te gli spuntini, o il barista della caffetteria che ti conosce per nome e ti regala un sorriso speciale. Se stai seguendo questa strada, allora forse hai già rinunciato alla tua relazione psicologicamente ed emotivamente, e potrebbe essere il momento di porre fine alla relazione che stai vivendo.

Ti infastidisce la sua presenza

Non vedi l’ora che lui esca dalla porta di casa, che vada a giocare a calcetto o qualsiasi altra cosa, purché tu abbia i tuoi spazi ben distinti dai suoi. 
Se cerchi di passare il meno tempo possibile con il tuo compagno e se lo senti più come un coinquilino ingombrante, allora è un segno inequivocabile che la relazione è arrivata al capolinea.

Non c'è più nessuna intimità

La sessualità in coppia è un segnale spesso sopravvalutato. Una coppia che non fa sesso in modo regolare non significa che ha un problema. Credere che in una relazione sana il sesso non debba conoscere fasi di calo è tipico della nostra epoca, quella post pillola. I cinema e i media ci hanno abituato a quest idea, prima i nostri nonni passavano anche dei mesi in astinenza, perché quello era anche un modo di controllare le nascite. Noi siamo stati abituati a pensare che la mancanza di sesso in una coppia equivalga immediatamente alla crisi.
È un dato relativo e altamente soggettivo. Il sesso romanzato e le relazioni immaginarie dei cinema ci inducono a credere che c’è qualcosa che non va in noi, nel nostro partner o nella nostra relazione se la libido cala, ma questo è assolutamente fisiologico e normale. 

D’altra parte se non abbiamo più nessun tipo di intimità con il partner, se non proviamo attrazione nei suoi confronti e sappiamo che la mancanza di interesse sessuale non è dettata da un momento particolare che stiamo vivendo, allora è probabile che la relazione sia giunta al termine. Magari non è finito l’affetto reciproco, ma si vive come dei coinquilini senza provare minimamente attrazione e desiderio nei confronti dell’altro. Occorre un grande esame di coscienza per comprenderlo. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lasciati ispirare da Soulmentor

Relazioni complicate
Aleksandra Cvjetkovic

Come avere relazioni sane

 Avere relazioni sane è fondamentale per vivere bene. Se viviamo nei rapporti di dipendenza, se affidiamo a qualcun altro il compito di renderci felici stiamo

Leggi Tutto »